Select Language

GLI ARTISTI:


Teatro in ombra è formato da Alessandro Lanzini e Simone Marino, due giovani artisti che condividono la stessa passione per l'arte e l'intrattenimento. Alessandro muove i suoi primi passi nel mondo artistico all'età di quattordici anni, frequentando un corso di giocoleria come attività nel dopo scuola.

Presto ha modo di conoscere il Magic-off, club di magia di Novara, dove comincia i suoi studi dell'antica arte della prestigiazione, che comincia di lì a poco ad esercitare, dapprima come assistente del mago Magicus (presidente del Magic-off e artista professionista da trent'anni) e poi singolarmente, esibendosi nelle situazioni più svariate. Parallelamente alla magia Alessandro frequenta corsi di teatro naturalista, cabaret e mimo, che lo aiutano ad affinare la destrezza nell'intrattenere il pubblico; dopo la maturità comincia poi a insegnare teatro in alcune scuole elementari di Novara. Grazie a Diego Allegri (prestigiatore professionista e grande amico), Alessandro conosce la meravigliosa arte delle Ombre cinesi, dalla quale si sente immediatamente travolto e catturato.

Agevolato dalla destrezza delle mani data dall'allenamento nella magia Alessandro affina l'arte delle ombre fino ad essere in grado di riprodurre, oltre agli animali, praticamente qualsiasi silhouette di volto umano sul telo.

Alessandro, oltre alla presenza ad intrattenimenti pubblici e privati di ogni tipo, vanta la partecipazione ad eventi come il Carnevale di Venezia (festa Pisani Moretta), Montecarlo Dinner Night e Buskers Festival di Ferrara.


Simone, laureando in Scienze Politiche con trascorsi lavorativi nel mondo dell'economia, incontra la magia per puro interesse accademico, conosce Alessandro grazie al Magic-off e i due stringono da subito una buona amicizia. Simone impara grazie ad Alessandro l'arte delle ombre cinesi e i due cominciano a collaborare, fino a decidere di formare Teatro in ombra. Questo brillante duo si esibisce in feste aziendali, pubbliche e private, riscuotendo innumerevoli approvazioni del pubblico.